Mercedes-Benz Intelligent Drive

Intelligent Light System

/media/technologies/ils/intro_module/de/image_2.jpg
/media/technologies/ils/intro_module/de/image_1.jpg
Questo sistema di fari adattivi dispone di cinque funzioni di illuminazione che gli permettono di adeguarsi automaticamente alle condizioni atmosferiche, di luminosità e di marcia, garantendo una maggiore visibilità e quindi più sicurezza.
In caso di intemperie, al crepuscolo o nelle ore notturne, questo sistema garantisce una maggiore visibilità e quindi più sicurezza. L'Intelligent Light System è dotato di proiettori a regolazione variabile con cinque funzioni: modalità «strade extraurbane» e modalità «autostrada» a doppio stadio (entrambe abbinate ai fari bixeno), modalità «fendinebbia» ampliata, funzione di assistenza alla svolta e fari attivi.
1

I fari intelligenti.

Media

Chiudi

Informazioni di approfondimento

/media/technologies/ils/additional_information_module/de/image_1.jpg

Dopo la produzione delle immagini e dei filmati possono essere state apportate modifiche al prodotto.

A metà del 2006 Mercedes-Benz presenta con la Classe E una novità mondiale in fatto di illuminotecnica: l'Intelligent Light System.

Le cinque funzioni di illuminazione di cui dispone questo sistema sono tarate in base alle tipiche condizioni atmosferiche e di marcia e assicurano al guidatore una visibilità nettamente superiore, contribuendo in misura determinante a prevenire gli incidenti e a ridurre gli elevati rischi della guida notturna. L'Intelligent Light System è abbinato ai fari bixeno, disponibili a richiesta, e con le sue cinque funzioni è la tecnica di illuminazione attualmente più avanzata.

Tecnica: cilindri ruotabili nei moduli bixeno
Il cuore dell'Intelligent Light System è costituito da due moduli bixeno orientabili, installati negli alloggiamenti dei fari della Classe E. Essi funzionano ancora secondo il principio del faro a proiezione, nel quale la luce viene proiettata attraverso una lente. I nuovi fari adattivi necessitano tuttavia di un sistema preciso di direzionamento della luce per poter ottenere una distribuzione variabile del fascio luminoso. A questo provvede nei fari della Classe E un cilindro azionato da un motorino elettrico, che ruotando va a modificare la direzione del fascio luminoso. Calcolando con precisione e programmando le posizioni di questo cilindro è dunque possibile tarare in modo preciso le varie funzioni di illuminazione, anche per le vetture con guida a sinistra.


Di seguito le cinque funzioni di illuminazione.

- La modalità «strade extraurbane», più ampia e luminosa, sostituisce i tradizionali anabbaglianti
- La modalità «autostrada» aumenta in due stadi la visuale del guidatore anche del 60%
- La modalità «fendinebbia» ampliata aiuta i fendinebbia nel loro compito di diffondere la luce e distribuirla in modo da poter illuminare soprattutto i margini della strada
- La funzione «fendinebbia» ampliata si attiva automaticamente sotto i 70 km/h quando si accende il retronebbia
- Oltre i 100 km/h la modalità «fendinebbia» ampliata si disattiva automaticamente.

La funzione di assistenza alla svolta ha celebrato la sua première nel 2004 sui modelli Classe C, Classe CLS e Classe SLK Mercedes-Benz. Sulla Classe E è entrata a far parte delle funzioni di illuminazione dell'Intelligent Light System a metà del 2006, aumentando la sicurezza agli incroci e nelle curve strette grazie all'interazione dei fari bixeno con i fendinebbia integrati nel paraurti. Quando i proiettori principali sono accesi, la funzione si attiva automaticamente non appena, ad una velocità inferiore ai 40 km/h, il guidatore aziona un indicatore di direzione o sterza. A questo punto, gli anabbaglianti e i fendinebbia illuminano con una portata luminosa di circa 30 m la zona laterale antistante la vettura con un angolo massimo di 65 gradi. Inoltre, la funzione di assistenza alla svolta si attiva anche nelle curve affrontate a velocità non superiori ai 40 km/h, per consentire al guidatore di riconoscere meglio la conformazione della sede stradale.


I fari attivi, offerti da Mercedes-Benz per la prima volta all'inizio del 2003 per la Classe E, migliorano l'illuminazione della carreggiata in curva anche del 90%. In altre parole, in una curva lunga con un raggio di 190 m, con i fari attivi l'automobilista dispone di 25 m in più di visibilità rispetto alla portata degli anabbaglianti tradizionali. I fari attivi funzionano sia nella funzione abbagliante che anabbagliante. Essendo integrata nella rete dati della Classe E, la centralina elettronica dei fari attivi riceve informazioni sempre aggiornate dai sensori dell’angolo di sterzata, del tasso di imbardata e della velocità di marcia. Per questo motivo i fari bixeno sono in grado di seguire la rotazione impressa al volante dal guidatore e di spostarsi lateralmente in pochi secondi, non appena la vettura imbocca una curva. La tecnica dei fari attivi, ulteriormente perfezionata da Mercedes-Benz, dispone dalla metà del 2006 di proiettori che in curva si spostano lateralmente anche di 15°, vale a dire 3° in più di prima. Il vantaggio: poter illuminare le curve strette ancora meglio che in passato.¶
L'equipaggiamento a richiesta Intelligent Light System comprende anche il nuovo sistema di assistenza abbaglianti adattivi.

1

Disponibilità nelle Classi

Temi collegati